CHI SIAMO

Search
Close this search box.

Rose Eden. Cento nuove creazioni Haute Joaillerie e Métiers d’Art di Piaget

Il principio di questo racconto narra di una musa vestita di 80 petali e di un profumo inebriante, la rosa Yves Piaget. Narra anche di un atto d’amore idealmente condiviso con una imperatrice appassionata di botanica, Joséphine de Beauharnais. Gli avvenimenti si svolgono per un periodo lungo più di 200 anni di storia, fino ad oggi.

Piaget, mecenate dell’arte per amore delle rose, ha permesso il recente restauro del roseto del Castello di Malmaison, dimora che l’imperatrice Giuseppina insieme a Napoleone Bonaparte, acquisì nel 1799. In quel luogo Joséphine aveva creato un parco zoologico e botanico di carattere esotico e un rosetoche allora comprendeva 250 tipi di rose antiche. Oggi, grazie a Piaget, il meraviglioso giardino conta 750 specie di rose antiche che sprigionano, nuovamente, tutta la passione che l’imperatrice aveva per quel fiore. È dalle pagine di questa “favola” che affiora la nuova collezione Rose Passion.

Composta da cento creazioni di Haute Joaillerie e Métiers d’Art, 75 gioielli e 25 orologi , incanta per ricchezza creativa e lavorazioni impiegate. L’incastonatura a grani, la tecnica jupon creata da Piaget alla fine degli anni ‘60, la tecnica Grand Feu per la elaborazione degli smalti cloisonné, la glittica per sagomare le pietre dure. Realizzata negli atelier Piaget, la collezione annovera gioielli che esibiscono pavé di diamanti effetto neve, importanti pietre di colore, diamanti dall’antico taglio marquise. Gli orologi sono anch’essi molto preziosi, come gli Altiplano con quadrante in smalto grand-feu cloisonné, o quelli a manchette e à secret, dalla spiccata identità-gioiello.

Rose Eden. Cento nuove creazioni Haute Joaillerie e Métiers d’Art di Piaget

Il principio di questo racconto narra di una musa vestita di 80 petali e di un profumo inebriante, la rosa Yves Piaget. Narra anche di un atto d’amore idealmente condiviso con una imperatrice appassionata di botanica, Joséphine de Beauharnais. Gli avvenimenti si svolgono per un periodo lungo più di 200 anni di storia, fino ad oggi.

Piaget, mecenate dell’arte per amore delle rose, ha permesso il recente restauro del roseto del Castello di Malmaison, dimora che l’imperatrice Giuseppina insieme a Napoleone Bonaparte, acquisì nel 1799. In quel luogo Joséphine aveva creato un parco zoologico e botanico di carattere esotico e un rosetoche allora comprendeva 250 tipi di rose antiche. Oggi, grazie a Piaget, il meraviglioso giardino conta 750 specie di rose antiche che sprigionano, nuovamente, tutta la passione che l’imperatrice aveva per quel fiore. È dalle pagine di questa “favola” che affiora la nuova collezione Rose Passion.

Composta da cento creazioni di Haute Joaillerie e Métiers d’Art, 75 gioielli e 25 orologi , incanta per ricchezza creativa e lavorazioni impiegate. L’incastonatura a grani, la tecnica jupon creata da Piaget alla fine degli anni ‘60, la tecnica Grand Feu per la elaborazione degli smalti cloisonné, la glittica per sagomare le pietre dure. Realizzata negli atelier Piaget, la collezione annovera gioielli che esibiscono pavé di diamanti effetto neve, importanti pietre di colore, diamanti dall’antico taglio marquise. Gli orologi sono anch’essi molto preziosi, come gli Altiplano con quadrante in smalto grand-feu cloisonné, o quelli a manchette e à secret, dalla spiccata identità-gioiello.