CHI SIAMO

Search
Close this search box.

Raffinatezza e atmosfera da Chez Pierre a Montecarlo

Colori incisivi, rimandi anni ‘60, pareti specchiate e particolari decò. Il nuovo spazio  progettato dallo studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners  è un luogo unico a perfetta misura del gestore Piero Baldelli che ha creato il ristorante Chez Pierre a Montecarlo

chez Pierre

40 anni di carriera da Maitre D’  iniziata in un bistrot di Parigi e un’esperienza profonda nel mondo della cucina stellata tra Inghilterra, Francia e Principato di Monaco. Pierre Baldelli quindi decide di aprire a Montecarlo il suo primo ristorante, dove l’Head Chef Stephane Goudé propone una cucina francese e piatti internazionali. In perfetto equilibrio fra intimità e raffinatezza.

Situato all’interno del shopping centre Metropole, Chez Pierre è uno spazio accogliente, intimo, quasi un club. Dalle tonalità intense,  invita a momenti di emozione.

Dal concept alla realizzazione, lo studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners ha delineato un progetto che è parte attiva della storia e la passione di Pierre Baldelli.

Portando gli ospiti in un viaggio tra Montecarlo, Parigi e Londra, città in cui si è formato.

VSP_ChezPierre_PhSantiCaleca_05

50 coperti e 6 sgabelli bar e atmosfera dal fascino retrò. Pavimento a losanghe in marmo bianco e nero, cifra stilistica tipica degli anni ‘60, imprime un segno grafico incisivo creando un filo conduttore tra gli arredi, le texture e gli accostamenti preziosi. La tonalità del rosso rubino intenso, scelta anche per gli sgabelli bar dal tocco vintage di Pedrali, ha un ruolo di spicco riflettendo la personalità di questa nuova meta gourmet che non vuole passare inosservata.

Il Menù

con pochi piatti ma ricercati, propone solo prodotti di stagione ma con alcune pietanze fisse, come le uova mimosa biologiche, la spalla di vitello glassata col sugo e scarola confit, o l’Île flottante con praline rosa, tipico dolce francese.

“ Lavoriamo con prodotti locali” , aggiunge Pierre. “Utilizziamo formaggi freschi e birre artigianali di Sospel, olio d’oliva prodotto a Valbonne… Siamo qui per supportare i produttori locali. Anche i cuscini provengono dalla collezione MyCrown, di cui il 30% delle vendite va alla Fondazione Alberto II”.

Prodotti freschi si combinano con armonia e i piatti da gustare sono semplici, ma preparati con creatività. Dalla ratatouille al pesto, alle uova mimosa decorate con maionese fresca “con un ingrediente segreto”, passando per la “Salad Pierre” impreziosita da un’ottima senape.

I dolci non sono da meno: dal profiterole croccante ricoperto di cioccolata calda fatta in casa, alle fragole fresche accompagnate da panna montata, i più golosi saranno accontentati!

Una trentina di etichette di vini (oltre a sette champagne) potranno accompagnare i vostri piatti. Se siete dei veri intenditori, non esitate a dare un’occhiata al “cassetto segreto di Pierre”, non rimarrete delusi!

Come sostengono i clienti il ristorante è un vero e proprio “angolo di felicità”.

Raffinatezza e atmosfera da Chez Pierre a Montecarlo

Colori incisivi, rimandi anni ‘60, pareti specchiate e particolari decò. Il nuovo spazio  progettato dallo studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners  è un luogo unico a perfetta misura del gestore Piero Baldelli che ha creato il ristorante Chez Pierre a Montecarlo

chez Pierre

40 anni di carriera da Maitre D’  iniziata in un bistrot di Parigi e un’esperienza profonda nel mondo della cucina stellata tra Inghilterra, Francia e Principato di Monaco. Pierre Baldelli quindi decide di aprire a Montecarlo il suo primo ristorante, dove l’Head Chef Stephane Goudé propone una cucina francese e piatti internazionali. In perfetto equilibrio fra intimità e raffinatezza.

Situato all’interno del shopping centre Metropole, Chez Pierre è uno spazio accogliente, intimo, quasi un club. Dalle tonalità intense,  invita a momenti di emozione.

Dal concept alla realizzazione, lo studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners ha delineato un progetto che è parte attiva della storia e la passione di Pierre Baldelli.

Portando gli ospiti in un viaggio tra Montecarlo, Parigi e Londra, città in cui si è formato.

VSP_ChezPierre_PhSantiCaleca_05

50 coperti e 6 sgabelli bar e atmosfera dal fascino retrò. Pavimento a losanghe in marmo bianco e nero, cifra stilistica tipica degli anni ‘60, imprime un segno grafico incisivo creando un filo conduttore tra gli arredi, le texture e gli accostamenti preziosi. La tonalità del rosso rubino intenso, scelta anche per gli sgabelli bar dal tocco vintage di Pedrali, ha un ruolo di spicco riflettendo la personalità di questa nuova meta gourmet che non vuole passare inosservata.

Il Menù

con pochi piatti ma ricercati, propone solo prodotti di stagione ma con alcune pietanze fisse, come le uova mimosa biologiche, la spalla di vitello glassata col sugo e scarola confit, o l’Île flottante con praline rosa, tipico dolce francese.

“ Lavoriamo con prodotti locali” , aggiunge Pierre. “Utilizziamo formaggi freschi e birre artigianali di Sospel, olio d’oliva prodotto a Valbonne… Siamo qui per supportare i produttori locali. Anche i cuscini provengono dalla collezione MyCrown, di cui il 30% delle vendite va alla Fondazione Alberto II”.

Prodotti freschi si combinano con armonia e i piatti da gustare sono semplici, ma preparati con creatività. Dalla ratatouille al pesto, alle uova mimosa decorate con maionese fresca “con un ingrediente segreto”, passando per la “Salad Pierre” impreziosita da un’ottima senape.

I dolci non sono da meno: dal profiterole croccante ricoperto di cioccolata calda fatta in casa, alle fragole fresche accompagnate da panna montata, i più golosi saranno accontentati!

Una trentina di etichette di vini (oltre a sette champagne) potranno accompagnare i vostri piatti. Se siete dei veri intenditori, non esitate a dare un’occhiata al “cassetto segreto di Pierre”, non rimarrete delusi!

Come sostengono i clienti il ristorante è un vero e proprio “angolo di felicità”.