CHI SIAMO

Search
Close this search box.

Il naked dress di Marilyn da 4,8 milioni di dollari

L’abito con il quale Marilyn Monroe Cantò Happy Birthday Mr. President

Un abito commissionato dalla stessa Marlyn Monroe per la festa di compleanno di John F. Kennedy  del 19 maggio del 1962 durante il quale si sarebbe inaugurata una raccolta fondi organizzata al Madison Square Garden.   Marilyn lo pagò 1440 dollari (pari a circa 13700 dollari nel 2022) e fu disegnato da un giovane Bob Mackie sotto  l’etichetta Jean Louis, per lui  il primo progetto post-laurea, una geniale idea che segnò profondamente la sua creatività, tanto da diventare il “re” del naked dress: è lui che ha creato l’abito di Cher del 1974

Un abito unico

Il vestito di Marilyn fu fatto su misura, tagliato sulle sue forme e, come ha dichiarato la stessa star, cucito sul suo corpo prima di indossarlo. Rumors vicini alla Monroe, vociferano che sia stato indossato senza lingerie per cadere alla perfezione sul corpo, illuminato da 6000 cristalli tutti cuciti a mano sul tessuto nude. Dettagli che hanno reso rivoluzionario e così scandaloso questo abito, tanto da essere ancora oggi considerato estremamente attuale.

L’abito più costoso di sempre

Nel 1999, l’abito è stato venduto all’asta per 1267500 dollari, battendo il precedente record stabilito da un abito blu indossato da Lady Diana: ad acquistarlo è stata l’azienda Gotta Have It! Collectibles di Manhattan. Il 17 novembre 2016, il Ripley’s Believe It or Not! ha però stabilito un nuovo Guinness World Record, acquistandolo per la cifra sbalorditiva di 4,8 milioni di dollari. Ora l’abito e il bozzetto originale appartengono entrambi alla collezione di Ripley’s Believe It or Not.

Marilyn Monroe intona le prime strofe della celebre Happy birthday ed è subito mito. Trasforma un brano familiare e noto a tutti in un momento storico indimenticabile tanto che la canzone  verrà ribattezzata in Happy birthday Mr President. Di sottofondo, però, si sente il chiacchiericcio: l’esibizione porta con sé i pettegolezzi della conoscenza intima tra Monroe e Kennedy – la notte trascorsa assieme nella casa di Bing Crosby a Palm Springs alla fine di marzo – ma anche lo shock nel vedere l’attrice togliersi la stola di pelliccia per salire sul palco per esibirsi, svelando così il rivoluzionario abito nude. La scelta di stile segna di fatto la nascita del naked dress

Ad oggi la Monroe rimane un soggetto di fascino, donna perennemente fraintesa e mercificata in vita ma anche post mortem. Voleva disperatamente essere vista come qualcosa di più di un bel viso e di un bel corpo, essere presa sul serio come attrice e come essere umano. Questa è stata la sua intima lotta combattuta in prima linea tanto da crearle diversi problemi anche di natura mentale, con un inevitabile impatto sul suo lavoro così come sulla sua morte. Questo abito, però, l’ha resa immortale: oltre al suo magnifico corpo, generoso nelle forme e ricoperto da cristalli, ricordiamo la sua ammaliante e sensuale voce.

Per 60 anni è stato difficile immaginare qualcuno che non fosse Marilyn Monroe con il famigerato abito di cristalli, fino a quando Kim Kardashian non ha stupito tutti indossandolo in occasione del Met gala 2022: per interpretare il tema della serata – Gilded Glamour – la star del reality ha subito pensato alla bellissima diva di Hollywood con il noto naked dress.

Per replicare il look “Happy birthday, Mr President si è sottoposta a 14 ore per tingere i capelli color biondo platino e perdere 7 chili in meno di un mese per entrare nel capo arrivato dal caveau del Ripley’s Believe It Or Not Museum di Orlando. L’apparizione sul red carpet è stata degna di nota ma alquanto breve,  solo una manciata di minuti, vista la preziosità del capo realizzato a mano e conservato gelosamente a 20°. 

Il naked dress di Marilyn da 4,8 milioni di dollari

L’abito con il quale Marilyn Monroe Cantò Happy Birthday Mr. President

Un abito commissionato dalla stessa Marlyn Monroe per la festa di compleanno di John F. Kennedy  del 19 maggio del 1962 durante il quale si sarebbe inaugurata una raccolta fondi organizzata al Madison Square Garden.   Marilyn lo pagò 1440 dollari (pari a circa 13700 dollari nel 2022) e fu disegnato da un giovane Bob Mackie sotto  l’etichetta Jean Louis, per lui  il primo progetto post-laurea, una geniale idea che segnò profondamente la sua creatività, tanto da diventare il “re” del naked dress: è lui che ha creato l’abito di Cher del 1974

Un abito unico

Il vestito di Marilyn fu fatto su misura, tagliato sulle sue forme e, come ha dichiarato la stessa star, cucito sul suo corpo prima di indossarlo. Rumors vicini alla Monroe, vociferano che sia stato indossato senza lingerie per cadere alla perfezione sul corpo, illuminato da 6000 cristalli tutti cuciti a mano sul tessuto nude. Dettagli che hanno reso rivoluzionario e così scandaloso questo abito, tanto da essere ancora oggi considerato estremamente attuale.

L’abito più costoso di sempre

Nel 1999, l’abito è stato venduto all’asta per 1267500 dollari, battendo il precedente record stabilito da un abito blu indossato da Lady Diana: ad acquistarlo è stata l’azienda Gotta Have It! Collectibles di Manhattan. Il 17 novembre 2016, il Ripley’s Believe It or Not! ha però stabilito un nuovo Guinness World Record, acquistandolo per la cifra sbalorditiva di 4,8 milioni di dollari. Ora l’abito e il bozzetto originale appartengono entrambi alla collezione di Ripley’s Believe It or Not.

Marilyn Monroe intona le prime strofe della celebre Happy birthday ed è subito mito. Trasforma un brano familiare e noto a tutti in un momento storico indimenticabile tanto che la canzone  verrà ribattezzata in Happy birthday Mr President. Di sottofondo, però, si sente il chiacchiericcio: l’esibizione porta con sé i pettegolezzi della conoscenza intima tra Monroe e Kennedy – la notte trascorsa assieme nella casa di Bing Crosby a Palm Springs alla fine di marzo – ma anche lo shock nel vedere l’attrice togliersi la stola di pelliccia per salire sul palco per esibirsi, svelando così il rivoluzionario abito nude. La scelta di stile segna di fatto la nascita del naked dress

Ad oggi la Monroe rimane un soggetto di fascino, donna perennemente fraintesa e mercificata in vita ma anche post mortem. Voleva disperatamente essere vista come qualcosa di più di un bel viso e di un bel corpo, essere presa sul serio come attrice e come essere umano. Questa è stata la sua intima lotta combattuta in prima linea tanto da crearle diversi problemi anche di natura mentale, con un inevitabile impatto sul suo lavoro così come sulla sua morte. Questo abito, però, l’ha resa immortale: oltre al suo magnifico corpo, generoso nelle forme e ricoperto da cristalli, ricordiamo la sua ammaliante e sensuale voce.

Per 60 anni è stato difficile immaginare qualcuno che non fosse Marilyn Monroe con il famigerato abito di cristalli, fino a quando Kim Kardashian non ha stupito tutti indossandolo in occasione del Met gala 2022: per interpretare il tema della serata – Gilded Glamour – la star del reality ha subito pensato alla bellissima diva di Hollywood con il noto naked dress.

Per replicare il look “Happy birthday, Mr President si è sottoposta a 14 ore per tingere i capelli color biondo platino e perdere 7 chili in meno di un mese per entrare nel capo arrivato dal caveau del Ripley’s Believe It Or Not Museum di Orlando. L’apparizione sul red carpet è stata degna di nota ma alquanto breve,  solo una manciata di minuti, vista la preziosità del capo realizzato a mano e conservato gelosamente a 20°.